Due errori banali condannano il Napoli alla sconfitta in casa della Fiorentina, con legittimo rammarico delle azzurre anche se la distanza dal San Marino – e quindi dalla zona salvezza – resta immutata con quattro punti ancora da recuperare. Decisive come all’andata Sabatino ed un clamoroso autogol.

Mister Pistolesi ha confermato il sistema di gioco utilizzato sin dall’inizio della sua avventura napoletana e anche la formazione che ha battuto il Bari con Goldoni mezzala di inserimento ed Errico mediano di copertura. Cincotta recuperava Neto, che però partiva dalla panchina. Equilibrio in avvio con possesso per la Viola e Napoli di ripartenza. Al 23’ prima conclusione delle padrone di casa con Baldi (parata facile di Perez) e cambio nelle azzurre con Pistolesi che perdeva Popadinova per un problema alla spalla ed inseriva Cafferata. Al 31’ Sabatino portava m vantaggio le padrone di casa: punizione laterale battuta morbida da Baldi ed il nove di casa appoggiava in rete di testa. Reazione Napoli al 36’ con destro di Rijsdijk in area, da posizione defilata, e respinta di Schroffenegger. La pioggia da tregenda rendeva il campo quasi impraticabile ed il Napoli va ad un passo dal pareggio con Cafferata, servita da Errico, che spara su Schroffenegger. Poco dopo si rivede la Viola con Sabatino prima e Vigliucci poi (prima conclusone fuori, seconda parata da Perez) mentre le azzurre in contropiede con Cafferata non c’entravano il bersaglio grosso.

Ripresa al via senza cambi ma al 13’ Huynh combina la classica frittata con un retropassaggio al portiere scriteriato e la Fiorentina si ritrova 2-0 nel momento in cui il Napoli sembrava stare meglio delle avversarie. Pistolesi operava tre cambi nello stesso momento e passava al 4-2-3-1. Al 19’ punizione mancina di Fusini alzata sopra la traversa da Schroffenegger (che poi blocca un diagonale di Kubassova). Da quel momento, tanta pressione azzurra ma poche conclusioni di rilievo fino al fischio finale.

 

Le interviste

“Siamo stanchi dei complimenti, occorre far punti ma oltre al rammarico per il risultato ci sono nuove consapevolezze che abbiamo dimostrato di aver acquisito”. Alessandro Pistolesi, tecnico del Napoli Femminile, non nasconde l’amarezza per il 2-0 incassato dalla Fiorentina ma analizza la gara con lucidità: “Non era facile venire qui e far punti, eppure avremmo meritato di più. Non abbiamo saputo però portare gli episodi dalla nostra parte e per riuscire a farlo nel prossimo futuro lavoreremo ancora più sodo”.

La convinzione nei propri mezzi non deve mancare: “Guardo la classifica – conclude Pistolesi – e penso che purtroppo è passata un’altra giornata ma non siamo affatto inferiori a San Marino e Verona, contro le quali dobbiamo ancora giocare gli scontri diretti”.

 

Tabellino del match

FIORENTINA-NAPOLI 2-0

FIORENTINA (4-3-1-2). Schroffenegger; Thogersen, Quinn, Tortelli (da 38’ s.t. Tinti), Zanoli; Adami, Middag, Vigilucci; Monnecchi (dal 29’ s.t. Kim); Sabatino, Baldi (dal 42’ st. Clelland) (Ohrstrom, Neto, Pastifieri, Innocenti, Mani). All.: Cincotta

NAPOLI (4-3-3). Tasselli; Oliviero (dal 40’ s.t. Nencioni), Huynh (dal 17’ Di Marino), Arnadottir, Fusini; Goldoni, Huchet, Errico (dal 17’ s.t. Beil); Hjohlman, Rijsdijk (dal 17’ s.t. Kubassova), Popadinova (dal 23’ p.t. Cafferata) (Perez, Capparelli, Groff, Cafferata, Risina, Nencioni). All.: Pistolesi

Arbitro: Perri di Roma 1 (Catallo-Thcato)
Note: si è giocato allo stadio Gino Bozzi a porte chiuse. Amm.: Tortelli (F), Huynh (N), Rec.: 1’ p.t., 3’ s.t.
Marcatori: Sabatino (F) 31’ p.t., Huynh (N) aut. 13’ s.t.